Asthanga Yoga

• Yama - le cinque restrizioni o le "non fare"

  • Ahimsa - Non- violenza
  • Satya - Verità
  • Brahmacharya - Controllo dei sensi e il celibato
  • Asteya - non rubare
  • Aparigraha - Astensione dal superfluo

• Niyama - le cinque osservanze o il " fare"

  • Saucha - purezza, la pulizia
  • Santosha - Contentezza, appagamento
  • Tapas - Austerità
  • Swadhyaya - Studio , studio delle Scritture
  • Ishwara Pranidhana - Abbandonarsi alla volontà di Dio

• Asana - posizione stabile
• Pranayama - controllo del prana o forza vitale
• Pratyahara - Ritiro dei sensi
• Dharana - concentrazione
• Dhyana - La meditazione
• Samadhi - stato di Super- conscio

la Fondazione

Proprio come la costruzione di una fondazione è una fase indispensabile per la costruzione di qualsiasi struttura, l'aspetto più importante della costruzione dell'edificio spirituale del Raja Yoga è costituito dalle pratiche morali ed etiche chiamate yama e niyama .
Per la maggior parte degli aspiranti, l'obiettivo principale del loro sadhana dovrebbe essere lo sviluppo di Yama e Niyama. Pratiche più avanzate, come la meditazione, dovrebbero essere perseguiti, ma si deve capire che nessun progresso sostanziale si svolgerà fino a quando le pratiche di Yama e Niyama no saranno acquisite.

1 . I cinque Yama

Va notato che tutti gli yamas dovrebbero essere praticati nello spirito e dalla corpo. Inoltre, dovrebbero essere applicati in opere e parole, così come i pensieri.  Inoltre essi devono essere praticate nel rispetto all'altro.

A volte queste pratiche sembrano in conflitto e molta ricerca sarà necessaria per sapere come agire rettamente ( secondo il dharma ) . Esempio : dire la verità può danneggiare le persone .

Ahimsa

Ahimsa , o non violenza , implica non uccidere. Ma non è solo non- uccidere, è molto più di questo. Più ampiamente , ahimsa significa " astinenza da provocare alcun dolore o danno di sorta per qualsiasi creatura vivente, sia nel pensiero, parola o azione. Ahimsa non è solo non ferire ma è positivo è , l'amore cosmico . "( Swami Sivananda , beatitudine divina )

Satya

Satya è verità . E ' più che dire la verità. Le azioni di uno dovrebbero essere in conformità con le proprie parole e pensieri. Dio e uomo vero Io sono la verità, e per sintonizzarsi con la coscienza che abbiamo bisogno di vivere veritiero in ogni momento. Inoltre quando siamo sdraiati molti pensieri arrivano nella mente, che vanno contro l'obiettivo dello yoga raja di calmare la mente .

Brahmacharya

Brahmacharya ha due significati principali . In senso lato significa il controllo dei sensi. Più in particolare si riferisce al celibato o castità. Come tutte le tradizioni spirituali tradizionali, i sostenitori della pratica dello yoga preverivano non indulgere in gratificazioni sensuali. Uno dei tanti motivi è che per praticare gli anga superiori dell' ashtanga yoga - dharana , dhyana , samadhi - richiede una quantità enorme di energia o prana . Questa energia si costruisce attraverso le pratiche di yoga , come asana , pranayama e japa, ma viene dissipata durante il sensuale godimento. Alla maggior parte delle persone non piace sentire questo, ma, come le altre yama , tutti dovrebbero praticare brahmacharya al meglio delle loro capacità cercando di respingere l'aspetto lussurioso della sessualità e praticare la sessualità sacra. E ' un dato di fatto che più la gente perde tempo a gratificare i sensi, meno energia avranno e di conseguenza minore capacità di meditare.

Asteya

Asteya è non rubare. Tuttavia, è bene tenere a mente che ci sono molti modi sottili per appropriarsi di ciò che non ci appartiene. Come per le altre yama, molta auto-osservazione sarà necessaria per catturare le sottili tendenze inferiori della nostra mente .

Aparigraha

Aparigraha non è cupidigia astensione dal superfluo. Si tratta di essere felice e contento con quello che ci serve e non sempre bramare oggetti inutili e di lusso. Possedere più di cui abbiamo bisogno è una violazione di questo precetto. Si noti che aparigraha include la nozione di non accettare doni che ci legano al donatore .

2 . I cinque Niyama

Shaocha

Saucha è purezza . L'aspetto più profondo e sottile di Saucha è la purezza di pensieri e sentimenti. Ma significa anche pulizia del corpo, che per hatha yogi include le pratiche di pulizia interna conosciute come kriya. Uno yogi deve anche mantenere il suo ambiente ( casa, auto, sul posto di lavoro, ecc ), molto ordinato e pulito. La purezza è l'essenza del sattvo guna, di fondamentale importanza per meditare con successo .

Santosha

Santosha è contentezza . Questa è la capacità di riconoscere che anche se è importante cercare di migliorare il nostro ambiente e la situazione di vita attraverso uno sforzo adeguato , il mondo intorno a te non è mai sta per essere perfetto e assolutamente di nostro gradimento. Pertanto il raja yogi dovrebbe essere felice con quello che ha e cercare di fare il meglio che può con quello che ha ottenuto .

Tapas

Tapas è l'austerità. Il lusso e il comfort della nostra società moderna, con tutti i suoi vantaggi, rende la nostra mente morbida e debole. Per rafforzare noi stessi fisicamente e mentalmente dobbiamo praticare austerità. Tapas è la meditazione su Dio o il divino Sé. La pratica quotidiana di discipline yogiche è considerato tapas. Una buona pratica è il digiuno .

Swadhyaya

Swadhyaya significa letteralmente studio del Sé. La pratica principale è lo studio delle scritture yogiche ma include anche japa(ripetizione del mantra ). Per un Vedantino i migliori Scritture sono le Upanishad , la Bhagavad Gita e Brahma Sutra. Ci sono anche molte altre scritture, come i Purana, il Ramayana, il Mahabharata , ecc Seguono i libri scritti da grandi mistici o maestri, come Swami Sivananda, Swami Vishnu - devananda, o di altri santi di tutte le tradizioni.

Ishwarapranidhana

Ishwarapranidhana è abbandono alla volontà di Dio e di devozione . Tutti i precetti etici e morali dello yoga culminano qui .

3 . asana

Tenendo presente che l'obiettivo del raja yoga è quello di calmare la mente verso il basso, questo è possibile solo se si ha il controllo del corpo fisico. Corpo e mente sono intimamente connessi e se il corpo è agitato la mente saranno agitati come risultato. Per meditare con successo si deve sviluppare una postura corretta. Inoltre la postura deve essere mantenuta per lungo tempo e quindi ha bisogno di essere estremamente confortevole . Quando il meditatore non è in grado di controllare la sua mente, si consiglia di praticare le asana di hatha yoga al fine di acquisire la padronanza necessaria.

4 . Pranayama

La teoria Raja Yoga ci dice che il prana alimenta la mente. Come il vento crea il moto delle foglie , il prana crea il moto della mente che dà origine ai vritti. L'aria è il mezzo fisico primario di prana e la respirazione è il nostro metodo migliore per ottenere il controllo del prana. Per meditare , il praticante dovrebbe calmare il respiro verso il basso fino a che non è molto lento e uniforme. Se ciò non è possibile si dovrebbe praticare le diverse pranayama di hatha yoga .

5 . Pratyahara

Pratyahara è il ritiro dei sensi dai loro oggetti. La naturale tendenza dei sensi è di uscire verso gli oggetti del mondo . In tal modo essi tirare la mente fuori e lontano dal Sé interiore e creare potenti onde sul lago - mente . Pertanto , lo yogi deve essere in grado di tirare i sensi all'interno di se lui è quello di mantenere una mente equilibrata e pacifica .
L'analogia dato a noi è quello della tartaruga che , sotto pericolo percepito , tira in tutte le sue membra e la testa.

6 . Dharana

Concentrazione. Il meditatore è completamente concentrato sull'oggetto della concentrazione , la mente immobile come la fiamma di una lampada in una stanza senza vento. Quando questo stato è mantenuto abbastanza a lungo, si arriverà a dhyana.

7 . Dhyana

Dhyana è tradotto come meditazione. Si tratta di un flusso naturale di pensiero o di coscienza tra il meditatore e l'oggetto della meditazione. E 'uno stato molto gioioso e viene confrontato con il flusso di petrolio da una nave all'altra. Molto naturale e senza sforzo .
In dhyana c'è ancora dualità della coscienza che è il sentimento di separazione tra il meditatore e l'oggetto della meditazione . Quando mantenuta abbastanza a lungo questo stato comporta il più alto gradino della scala di Ashtanga Yoga , che è il samadhi .

8 . Samadhi

Come descritto da Swami Sivananda questo è " Lo stato di coscienza in cui è vissuta l' Assolutezza partecipata con tutta la conoscenza e la gioia, l'Unità, qui la mente si identifica con l'oggetto della meditazione, pensatore e pensiero diventano uno in perfetto assorbimento della mente . "
Molta pratica è necessaria per raggiungere questo stadio . Praticare quotidianamente tutte queste Anga arti è assolutamente necessario.

I commenti sono chiusi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: