Oggi lo yoga sta vivendo un periodo di grande espansione, e molte persone si stanno avvicinando sempre di più a quest’antica disciplina che porta benessere non solo nel corpo, ma anche nella mente e nello spirito.

Eh sì… tutto molto bello, ma se voglio frequentare un corso di formazione da dove comincio?

 

Il primo passo: scegliere il tipo di yoga

Risultati immagini per dubbio

A che stile di yoga sei orientato? Hatha yoga, Anusara yoga, Kundalini yoga, Asthanga yoga, Power yoga, Yengar yoga o Flow yoga, sembrano tanti vero? Ti assicuro che esistono molti altri stili.

Diamo un po’ di ordine, lo yoga nasce nell’attuale India migliaia di anni fà, le prime tracce infatti risalgono al 5000 a.c., e parliamo di una pratica che poco ha che fare con lo yoga che potremmo vedere oggi, erano fondate sui rituali, preghiere ed era filosofia pura orientata al raggiungimento dell’unione con il divino.

Solo intorno al 1300 d.c. comincia a nascere quello che possiamo identificare come lo yoga moderno, uno yoga che dava al contrario di quello che succedeva in passato, anche importanza alla salute fisica.

Questa branca dello yoga viene definita Hata Yoga “HA sta per sole” e “TA sta per luna” a indicare quindi l’unione fra gli opposti, la via di mezzo.

Solo successivamente vedremo nascere degli stili orientati su una pratica più dinamica, quindi le posizioni mantenute per molto tempo, a volte anche ore, cominciano ad essere sostituite con il Vinyasa , sequenza di posizioni mantenute per uno, tre o cinque respiri. 

L’allievo chiese: Maestro, quanti tipi di yoga esistono.

Ed il Maestro rispose: Tanti, come quanti sono gli uomini sulla terra.

Ad oggi come abbiamo anticipato in questo articolo, di stili di yoga ne esistono molti, e non esiste in maniera assoluta uno migliore di un altro, siamo diversi, ognuno con le proprie esigenze ed attitudini.

Ti consiglio di provare vari stili fr quelli principali, ma secondo noi è meglio iniziare con un corso di Hata Yoga, la madre di tutti gli stili, poi in seguito, una volta approfondito questo stile, ti sarà facile impararne altri.

Per praticare bene un vinyasa è importante imparare bene le asana, una ad una, con la giusta respirazione ed attitudine mentale, fatto questo sarà tutto più facile

Fai un po’ di esperienza prima di scegliere il tipo di yoga giusto per te, le palestre ed i centri yoga offrono sempre una lezione gratuita, approfittane, considera inoltre che due insegnanti che praticano lo stesso tipo di yoga avranno diversi stili d’insegnamento.

Per saperne di più su i principali stili di yoga, potresti andare sul nostro articolo dedicato.

Gli 8 principali stili di yoga

stili di yoga

 

Gli Insegnanti sono qualificati?

Oggi molte scuole propongono corsi di formazione, ma attenzione alla qualità e sopra tutto alla sostanza.

Ricorda bene che il corso e il risultato degli insegnati, un corso di qualità deve avere insegnanti di qualità.

Le prima cosa che ti consiglio di valutare è l’esperienza, dunque gli anni di pratica personale e anche la pratica dell’insegnamento sia in una sessione di yoga che in una formazione.

Ma ricorda che non sempre un grande curriculum fa un grande maestro, non esitare a chiamare per chiedere informazioni, a volte una voce può dirti molto, considera anche una cosa molto importante: il feeling che dovrai avere con i tuoi insegnanti! Un corso di formazione yoga significa avere un rapporto stretto con i tuoi istruttori, quello che ti dovranno dare non è solo una formazione fatta di nozioni, ma trasferire la loro esperienza e passione in te. Se puoi, la cosa migliore da fare è incontrarli di persona, e meglio ancora fare qualche lezione di prova se puoi.

 

Cosa intendono per yoga?

Lo yoga non è ginnastica e la ginnastica non è yoga.

Non voglio denigrare la ginnastica, anzi fa benissimo, ma non possiamo confondere lo yoga che ti ricordo essere una disciplina iniziatica, con dell’ attività fisica. Non possiamo pretendere che gli allievi pratichino quotidianamente la meditazione, ma per un insegnante è necessario, un insegnante di yoga medita, e fa di questa sacra scienza il suo stile di vita.

 

Per passione o per business?

Lo so che è scomodo parlare di soldi, ma assicurati che il motore propulsivo del corso non siano i soldi, ma il voler condividere i meravigliosi benefici di questa millenaria disciplina.

Non esiste una regola o una strategia ben definita per capirlo, dovrai affidarti al tuo sentire, alle tue percezioni, proprio quelle che con la pratica dello yoga imparerai a sviluppare.

 

Che tipo di diploma riceverai?

Una cosa importante da considerare è il tipo di diploma che riceverai, e se il corso di formazione ha il riconoscimento di un Ente di Promozione Sportiva, come l’ASI, la UIPS lo CSEN o altri ancora.

Questo ti darà la possibilità di entrare in possesso una volta finito il corso, del tesserino tecnico nazionale per insegnanti yoga. Non pensare sia necessario, non tutti infatti frequentano un corso di formazione yoga per insegnare, molti lo fanno per approfondire meglio la tecnica o la teoria, ma non si sa mai, magari il futuro ha in serbo qualche sorpresa.

Noi abbiamo deciso di farlo, nel rispetto del libero arbitrio delle persone, e perchè costringere qualcuno a fare qualcosa che non desidera non è un principio molto yogico.

 

Che tipo di programma vuoi?

 

Ad oggi ci sono molti corsi per insegnanti yoga, ma non sono tutti uguali, abbiamo parlato dei molti stili, ma è importante porre l’accento anche sul tipo di programma, infatti questi possono differenziarsi molto, enfatizzando vari aspetti dello yoga piuttosto che altri.

Un corso può orientarsi di più sull’aspetto fisico o magari sull’aspetto teorico e filosofico, sulle sacre scritture, sull’anatomia, sulla fisiologia, sulla biomeccanica, sul pranayama o sulla meditazione.

Anche qui possiamo fare due macro categorie, una formazione tradizionale ed una più moderna.

Il corso tradizionale privilegia i pilastri dello yoga, parliamo quindi degli aspetti spirituali, filosofi e tradizionali, oltre che l’insegnamento delle asàna; una formazione più moderna tralascerà questi argomenti per nozioni che riguardano più l’aspetto fisico, medico o puramente tecnico, tralasciando la tradizione.

A mio avviso c’è tanto da imparare dallo yoga, è una disciplina con più o meno 7000 anni di storia, non serve aggiungere altro ;-).

Dai un’occhiata al nostro programma per farti un’idea.

 

Vuoi diventare un insegnante di yoga o di ginnastica?

 

Ricorda che lo Yoga è una disciplina millenaria e non è fatta solo di allineamenti fisici e posizioni impossibili, la sua storia merita di essere studiata. Lo yoga nasce per dare all’uomo un percorso di crescita personale che lo conduca verso la felicità, e non per renderlo un acrobata, assicurati dunque che dietro una scuola ci sia la reale intenzione di andare oltre la semplice posizione fisica, e ricorda che da molti viene definita come una Scienza Sacra.

“LO YOGA INSEGNA A VIVERE MEGLIO”

 

 

Intensivo o no?

 

Sicuramente la tua scelta sarà condizionata dal tempo che puoi dedicare alla formazione yoga, ma tale scelta è importante e ha sicuramente delle differenze.

 

Intensivo:  Di solito vengono strutturati in una full immersion che dura circa 3 o 4 settimane e prevede un pernottamento presso la struttura messa a disposizione. Questo tipo di formazione richiede un grande impegno, sia fisico che mentale. Spesso, infatti, a causa delle tante informazioni ricevute in poco tempo, si ha difficoltà a metabolizzarle, però si può beneficiare di una pratica più intensa che arriva in profondità, portandoti più a contatto con te stesso.

E’ stato calcolato che in un qualsiasi corso di formazione, gli studenti ricordano meno de 10% delle informazioni date, in un corso intensivo questa percentuale scende drasticamente.

Annuale: Questo tipo di corso, a nostro avviso è il migliore, ti darà infatti la possibilità di metabolizzare gli insegnamenti fra un modulo di formazione ed un altro, e di mettere in pratica tutti gli aspetti fisici.

 

Spero di esserti stato utile

Stefano 

Articoli utili

 

 

 

 

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Yoga alliance si o no?

Abbiamo scritto un articolo dedicato a questo argomento, ma in sintesi posso dirti che in Italia ad oggi per insegnare yoga in una palestra o in associazione sportiva, l’unico requisito necessario è il tesserino tecnico, 

L’iscrizione ad una delle yoga alliance, garantirà che il tuo corso ha rispettato degli standart formativi internazionali, e nel caso tu voglia trasferirti all’estero potrebbe tornarti utile.

Se vuoi saperne di più sulle certificazioni vai al nostro articolo dedicato proprio a questo…  

 

Possibilità di recesso?

Alcune scuole danno la possibilità di pagare in due o più fasi durante un corso formazione insegnanti, questo ti darà l’opportunità di cambiare idea nel caso ti accorgessi che non era il corso che stavi cercando.

Sono poche le scuole che adottano questa opzione, ma a mio avviso è ottimo per chi non è certo al 100%.

Noi abbiamo deciso di farlo, nel rispetto del libero arbitrio delle persone, e perchè costringere qualcuno a fare qualcosa che non desidera non è un principio molto yogico.

 

Che tipo di programma vuoi?

 

Ad oggi ci sono molti corsi per insegnanti yoga, ma non sono tutti uguali, abbiamo parlato dei molti stili, ma è importante porre l’accento anche sul tipo di programma, infatti questi possono differenziarsi molto, enfatizzando vari aspetti dello yoga piuttosto che altri.

Un corso può orientarsi di più sull’aspetto fisico o magari sull’aspetto teorico e filosofico, sulle sacre scritture, sull’anatomia, sulla fisiologia, sulla biomeccanica, sul pranayama o sulla meditazione.

Anche qui possiamo fare due macro categorie, una formazione tradizionale ed una più moderna.

Il corso tradizionale privilegia i pilastri dello yoga, parliamo quindi degli aspetti spirituali, filosofi e tradizionali, oltre che l’insegnamento delle asàna; una formazione più moderna tralascerà questi argomenti per nozioni che riguardano più l’aspetto fisico, medico o puramente tecnico, tralasciando la tradizione.

A mio avviso c’è tanto da imparare dallo yoga, è una disciplina con più o meno 7000 anni di storia, non serve aggiungere altro ;-).

Dai un’occhiata al nostro programma per farti un’idea.

 

Vuoi diventare un insegnante di yoga o di ginnastica?

 

Ricorda che lo Yoga è una disciplina millenaria e non è fatta solo di allineamenti fisici e posizioni impossibili, la sua storia merita di essere studiata. Lo yoga nasce per dare all’uomo un percorso di crescita personale che lo conduca verso la felicità, e non per renderlo un acrobata, assicurati dunque che dietro una scuola ci sia la reale intenzione di andare oltre la semplice posizione fisica, e ricorda che da molti viene definita come una Scienza Sacra.

“LO YOGA INSEGNA A VIVERE MEGLIO”

 

 

Intensivo o no?

 

Sicuramente la tua scelta sarà condizionata dal tempo che puoi dedicare alla formazione yoga, ma tale scelta è importante e ha sicuramente delle differenze.

 

Intensivo:  Di solito vengono strutturati in una full immersion che dura circa 3 o 4 settimane e prevede un pernottamento presso la struttura messa a disposizione. Questo tipo di formazione richiede un grande impegno, sia fisico che mentale. Spesso, infatti, a causa delle tante informazioni ricevute in poco tempo, si ha difficoltà a metabolizzarle, però si può beneficiare di una pratica più intensa che arriva in profondità, portandoti più a contatto con te stesso.

E’ stato calcolato che in un qualsiasi corso di formazione, gli studenti ricordano meno de 10% delle informazioni date, in un corso intensivo questa percentuale scende drasticamente.

Annuale: Questo tipo di corso, a nostro avviso è il migliore, ti darà infatti la possibilità di metabolizzare gli insegnamenti fra un modulo di formazione ed un altro, e di mettere in pratica tutti gli aspetti fisici.

 

Spero di esserti stato utile

Stefano 

Articoli utili

 

 

 

 

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Yoga alliance si o no?

Abbiamo scritto un articolo dedicato a questo argomento, ma in sintesi posso dirti che in Italia ad oggi per insegnare yoga in una palestra o in associazione sportiva, l’unico requisito necessario è il tesserino tecnico, 

L’iscrizione ad una delle yoga alliance, garantirà che il tuo corso ha rispettato degli standart formativi internazionali, e nel caso tu voglia trasferirti all’estero potrebbe tornarti utile.

Se vuoi saperne di più sulle certificazioni vai al nostro articolo dedicato proprio a questo…  

 

Possibilità di recesso?

Alcune scuole danno la possibilità di pagare in due o più fasi durante un corso formazione insegnanti, questo ti darà l’opportunità di cambiare idea nel caso ti accorgessi che non era il corso che stavi cercando.

Sono poche le scuole che adottano questa opzione, ma a mio avviso è ottimo per chi non è certo al 100%.

Noi abbiamo deciso di farlo, nel rispetto del libero arbitrio delle persone, e perchè costringere qualcuno a fare qualcosa che non desidera non è un principio molto yogico.

 

Che tipo di programma vuoi?

 

Ad oggi ci sono molti corsi per insegnanti yoga, ma non sono tutti uguali, abbiamo parlato dei molti stili, ma è importante porre l’accento anche sul tipo di programma, infatti questi possono differenziarsi molto, enfatizzando vari aspetti dello yoga piuttosto che altri.

Un corso può orientarsi di più sull’aspetto fisico o magari sull’aspetto teorico e filosofico, sulle sacre scritture, sull’anatomia, sulla fisiologia, sulla biomeccanica, sul pranayama o sulla meditazione.

Anche qui possiamo fare due macro categorie, una formazione tradizionale ed una più moderna.

Il corso tradizionale privilegia i pilastri dello yoga, parliamo quindi degli aspetti spirituali, filosofi e tradizionali, oltre che l’insegnamento delle asàna; una formazione più moderna tralascerà questi argomenti per nozioni che riguardano più l’aspetto fisico, medico o puramente tecnico, tralasciando la tradizione.

A mio avviso c’è tanto da imparare dallo yoga, è una disciplina con più o meno 7000 anni di storia, non serve aggiungere altro ;-).

Dai un’occhiata al nostro programma per farti un’idea.

 

Vuoi diventare un insegnante di yoga o di ginnastica?

 

Ricorda che lo Yoga è una disciplina millenaria e non è fatta solo di allineamenti fisici e posizioni impossibili, la sua storia merita di essere studiata. Lo yoga nasce per dare all’uomo un percorso di crescita personale che lo conduca verso la felicità, e non per renderlo un acrobata, assicurati dunque che dietro una scuola ci sia la reale intenzione di andare oltre la semplice posizione fisica, e ricorda che da molti viene definita come una Scienza Sacra.

“LO YOGA INSEGNA A VIVERE MEGLIO”

 

 

Intensivo o no?

 

Sicuramente la tua scelta sarà condizionata dal tempo che puoi dedicare alla formazione yoga, ma tale scelta è importante e ha sicuramente delle differenze.

 

Intensivo:  Di solito vengono strutturati in una full immersion che dura circa 3 o 4 settimane e prevede un pernottamento presso la struttura messa a disposizione. Questo tipo di formazione richiede un grande impegno, sia fisico che mentale. Spesso, infatti, a causa delle tante informazioni ricevute in poco tempo, si ha difficoltà a metabolizzarle, però si può beneficiare di una pratica più intensa che arriva in profondità, portandoti più a contatto con te stesso.

E’ stato calcolato che in un qualsiasi corso di formazione, gli studenti ricordano meno de 10% delle informazioni date, in un corso intensivo questa percentuale scende drasticamente.

Annuale: Questo tipo di corso, a nostro avviso è il migliore, ti darà infatti la possibilità di metabolizzare gli insegnamenti fra un modulo di formazione ed un altro, e di mettere in pratica tutti gli aspetti fisici.

 

Spero di esserti stato utile

Stefano 

Articoli utili

 

 

 

 

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]